I contenuti del blog Il Toscanofilo sono rivolti a fumatori di sigari maggiorenni e consapevoli, che vogliono condividere la cultura legata al mondo del Toscano. Non si vuole in alcun modo promuovere l'uso di tabacco. Si ricorda infatti che, in ogni sua forma, IL FUMO NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE

1. Effettua una misurazione del clima.

Un buon sigaro è come un qualcosa che respira: ha bisogno di stare in un clima controllato o rischia di seccarsi in poche ore. Se hai trovato un buon sigaro ma non vuoi ancora fumarlo, puoi fare in modo di tenerlo fresco finché non decidi di farlo.

  • Un sigaro dovrebbe essere conservato a circa 21°C con umidità di circa 70%. In alcuni climi, come quello di Miami, può essere tenuto nel proprio involucro per un breve periodo di tempo senza il rischio che si secchi. Se invece sei in Arizona o Alaska, il clima secco potrebbe rovinarlo se non pensi di fumare il sigaro entro 24 ore.
  • Il tabacco dei sigari di buona qualità è stato coltivato in un clima tropicale, tra il 65 e il 72% di umidità. I sigari sono costituiti da strati di foglie intere di tabacco, e la struttura si basa sulla loro capacità di restare grassi e umidi. I sigari non conservati a temperatura e umidità ottimali possono essiccare, rompersi, o ammuffire.
  • Se sei un vero amante dei sigari e vuoi conservarne una certa quantità, dovrai comprare un humidor. Leggi il prossimo passaggio.

 

2. Conserva alcuni sigari in un sacchetto di plastica aperto finché non sei pronto a fumarli.

Se hai un sigaro o due ma non puoi fumarli subito, il modo migliore per conservarli è in un sacchetto a chiusura lampo aperta con un panno leggermente umido sull’apertura, in uno spazio buio mantenuto intorno a 21°C.

  • I sacchetti humidor sono comunemente venduti in molti negozi di sigari e possono mantenerli freschi per diverse settimane. Nei buoni negozi di sigari, il tabaccaio spesso chiede quanto tempo hai intenzione di conservarli, e potrebbe imballare il sigaro in una di queste borse. Facendo domande avrai la possibilità di imparare molte cose al riguardo.
  • L’asciugamano deve essere pulito e solo leggermente umido, preferibilmente con acqua distillata. Dopo un paio d’ore, controlla la borsa per assicurarti che troppa umidità non si accumuli all’interno. In tal caso, apri il sacchetto e sposta l’asciugamano leggermente indietro. I sigari possono fare la muffa.
  • In alternativa, i sigari possono essere conservati in una vaschetta di plastica pulita, coperta con un asciugamano appena umido, quasi completamente asciutto e mantenuto alla temperatura adeguata. Qualunque metodo di conservazione tu scelga, la temperatura è il fattore più importante.

 

3. Tienili nel cellophane o in un tubo mentre sei in transito.

Se il sigaro viene avvolto in un involucro di cellophane o è tenuto in un manicotto di cedro o altro tipo di tubo, si può tenerlo nella confezione finché non si ha intenzione di fumarlo. Il cellophane permetterà all’aria di arrivare al sigaro, mentre altri tipi di tubi e manicotti lo proteggeranno durante il trasporto.

  • Gli appassionati di sigari hanno differenti opinioni sul fatto di lasciare o rimuovere i sigari nelle custodie per tanto tempo. Per brevi periodi, non c’è nulla di cui preoccuparsi. Tutti i fumatori di sigari sono d’accordo, però: dopo uno o due giorni, dovrai decidere se fumarlo o metterlo dentro un humidor.

 

4. Tienilo fuori dal frigo.

Si tratta di un malinteso comune che il congelamento o la refrigerazione dei sigari sia un modo efficace per mantenerli freschi. Niente potrebbe essere più falso, a meno che tu non voglia un sigaro che sappia di frigorifero. Anche se il sigaro è surriscaldato, o la temperatura è troppo umida, o non lo è abbastanza, mai tenere il sigaro in frigorifero.

  • I sigari non vanno conservati in ambienti perfettamente sigillati perché hanno bisogno di respirare. Non metterli in una scatola di plastica con un coperchio richiudibile, o tenerlo nel congelatore, a meno che tu non lo voglia rovinare. I sigari conservati con un panno umido in una scatola di plastica probabilmente si inumidiranno troppo, e potrebbero anche ammuffirsi dopo un breve periodo di tempo.
  • Se non hai assolutamente nulla per conservare il sigaro a 21°C-70%, conservalo in un luogo relativamente fresco della casa, se vivi in un clima caldo durante l’estate, o tienili in cucina (la stanza più calda in casa) se il tuo inverno offre un clima fresco. Spruzza acqua periodicamente in aria per simulare un umidificatore. Non è l’ideale, ma si può evitare di rovinare un sigaro. Oppure puoi semplicemente fumarlo.

A proposito dell'autore

Post correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy