I contenuti del blog Il Toscanofilo sono rivolti a fumatori di sigari maggiorenni e consapevoli, che vogliono condividere la cultura legata al mondo del Toscano. Non si vuole in alcun modo promuovere l'uso di tabacco. Si ricorda infatti che, in ogni sua forma, IL FUMO NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE

L’autunno è ormai iniziato e l’inverno è alle porte: ciò significa che è finalmente arrivato il momento di tirare fuori dall’armadio il proprio cappotto e tornare a camminare per strada mostrandone tutta l’eleganza. Le passerelle sono state abbastanza chiare e hanno indicato la linea da seguire; accanto alle versioni alla moda, però, esistono anche i modelli più classici e senza tempo che continueranno a essere protagonisti. Scopriamo allora insieme le tendenze imposte dai designer, i capispalla storici che sarà sempre possibile riproporre e una breve guida a misure e colori per andare alla ricerca del cappotto uomo (nuovo o vintage) perfetto.

I cappotti uomo visti in passerella

Prima di addentrarci nella scelta di tonalità e misure, partiamo dall’analizzare quali modelli di cappotto uomo gli stilisti hanno fatto sfilare in passerella per l’autunno inverno 2022/23.

Una delle tendenze degli ultimi anni che troverà conferma anche in questa stagione è sicuramente il taglio oversize: tutti i designer, infatti, si sono dimostrati concordi nel proporre capispalla abbondanti e avvolgenti fatti di spalle extra-large, lunghezze fino al ginocchio e vestibilità morbida.

Attenzione, però, che non basta solo scegliere un modello dalla linea fit di una, due o tre taglie più grandi rispetto alla propria: il cappotto deve essere strutturato appositamente in questo senso, viceversa il rischio è quello di dare al proprio outfit l’impressione di aver preso in prestito capi selezionati dal guardaroba di un amico con una corporatura decisamente diversa dalla propria. Al netto di ciò, tuttavia, non bisogna avere alcuna paura di esagerare e si può tranquillamente optare per versioni maxi da abbinare a basi eleganti o casual con grande disinvoltura.

In alternativa a questa versione, inoltre, le passerelle sono state popolate anche da modelli più classici rivisitati in chiave colore e fantasia: vedremo dunque gli intramontabili monopetto e doppiopetto formalizzati da tinte come il nero, il blu navy e il cammello, oppure vivacizzati da nuance e disegni più eccentrici e pop.

Cappotto uomo: modelli classici da rivisitare

Oltre a essere un capo moda, infatti, il cappotto da uomo è soprattutto un classico del vestire maschile: istituzionalizzato in pianta stabile a partire dal XIX secolo, sono ormai più di duecento anni che il capospalla fa parte della divisa da gentleman e conferisce classe e eleganza a ogni look. Come detto, anche per il prossimo inverno si potrà pescare a piene mani nella tradizione, scegliere un modello storico e adattarlo al proprio stile tramite i colori. È fondamentale, però, conoscere con esattezza cosa si andrà a citare: vediamo allora una breve lista di cappotti intramontabili.

Uno dei più antichi è sicuramente il Crombie, nato dalla sartoria inglese omonima a inizio Ottocento: bottoni a vista, revers tutto sommato sottili e, storicamente, in colore blu scuro. Accanto a questo troviamo il Chesterfield: un monopetto con chiusura a scomparsa dalle linee pulite e interrotte solo da due tasche con patta. La scollatura è in questo caso più profonda e data da revers più ampi che enfatizzano la porzione delle spalle: ottimo dunque per recarsi in ufficio o per le uscite serali del weekend. A lui fa da contraltare il Covert, con vestibilità più attillata, una lunghezza ridotta e collo solitamente in velluto. Il British Warm Overcoat, invece, ha origini militari, è provvisto di mostrine sulle spalle e si presenta tradizionalmente in versione doppiopetto: è quindi più formale e adatto all’inverno inoltrato, dato che viene realizzato in lana pesante o cashmere.

Il Polo, al contrario, è un cappotto nato negli Stati Uniti e presenta, sul retro, una martingala che sostituisce la tradizionale cintura: è poi dotato di ampie tasche che lo rendono decisamente più sportivo. Infine, è possibile scegliere il Loden, di solito in verde scuro, sprovvisto di revers, con ampio spacco posteriore e una linea dritta interrotta solo da tasche oblique.

Colori e misure del cappotto da uomo

Che si decida di acquistare un capospalla di nuova fattura e più soggetto all’alternarsi delle mode, oppure che ci si voglia recare in un negozio di second hand alla ricerca di un piccolo tesoro vintage dal fascino senza tempo, nella scelta del cappotto è necessario porre sempre la dovuta attenzione a due aspetti: le misure e i colori.

Per quanto riguarda le prime, abbiamo due alternative: i modelli corti, che si fermano poco sotto la vita e sono più adatti a chi vuole ricreare look giovanili, sportivi e meno formali; i modelli lunghi, che proseguono dalla metà gamba in poi ricreando un aspetto più elegante e istituzionale. Oltre a ciò, è importante considerare anche il fit valutando spalle, torace e maniche: nelle opzioni oversize ogni regola viene scardinata in eccesso, mentre nelle proposte classiche il tessuto deve calzare a pennello, seguire la forma del busto e fermarsi a pochi centimetri dal polso.

In merito ai colori, invece, tutto dipenderà dai propri gusti e dalla propria personalità: chi cerca un cappotto che non deve subire le mode e dovrà mantenersi elegante e raffinato negli anni non può non guardare ai neri, ai blu e alle tinte naturali tra il sabbia e il beige; coloro i quali, al contrario, vogliono dare un tocco personale al capo, possono destreggiarsi tra fantasie variopinte o tinte sgargianti per inserire nel guardaroba un cappotto capace di farsi notare in ogni circostanza.

(fonte: www.esquire.com)

A proposito dell'autore

Post correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy